#61

Chi non ha voglia o possibilità di andare al mare o in montagna spesso si reca al “lago”. Ma qual è la reale incidenza di questi luoghi con l’acqua sulle preferenze delle persone?
The Oslo Review ha approfondito l’argomento valutando diverse circostanze che riguardano i laghi: quanto sono profondi, che tipo di acqua c’è, che forma hanno (il 2013 ha visto un vero e proprio boom dei laghi a forma di fagiolo in quanto richiamano certe spiritose piscine degli aquapark), e quali sono le strutture più adatte da sfruttare.
Le differenze con il mare sono evidenti, e ancora di più lo sono quelle con le montagne, sebbene a volte certi laghi ghiaccino. Ma non disperate: in caso di temperature inferiori allo zero vi si può nuotare allo stesso modo che in mare praticando un comodo foro circolare con una motosega o, per i più avventurosi, con un coltello da pane.
«È divertente! Ah ah ah!» ha esclamato un signore ottuagenario, il quale, su nostra sollecitazione («E poi?») ci ricorda dell’ipotesi poetica “passeggiate intorno al lago”: «Mi piace passeggiare» è stato il suo entusiastico slogan. Insomma, com’è ormai evidente al lago non ci si va solo per sguazzare nell’acqua felici come trichechi.
Il colore dell’acqua dei laghi dipende da quanto sole c’è e dall’orario; in inverno, si sa, è più difficile reputarli luoghi attraenti, così come di notte è difficile valutarne la profondità o stabilire la presenza di predatori assassini tra i morbidi flutti.
«Ci vengo ogni anno, abitiamo qua vicino» ci ha confidato un tizio alla guida di un’automobile, lasciando intendere con quella allusiva prima persona plurale di avere una famiglia, probabilmente appassionata di laghi.
Vi consigliamo di andare a provare l’esperienza del “lago” in periodi primaverili o estivi o entrambi, a meno che non preferiate sfruttarli per passeggiate o devastanti riflessioni esistenzialiste.
Attenzione ai divieti di balneazione, soprattutto se segnalati col simbolo delle scorie nucleari. Inoltre è sempre meglio evitare i laghi delimitati da ferro spinato in quanto degli zelanti militari con regolare porto d’armi potrebbero spararvi e i vostri famigliari, in tribunale, perderebbero la causa.

Annunci

4 thoughts on “#61

  1. Come spesso capita, avrei dovuto leggervi prima. Una volta passeggiai attorno a un lago, ma commisi l’errore di pensare alla mia vita. L’esperienza fu traumaticamente negativa e mi segnò nel profondo.
    Grazie per l”interessante articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...