#20

Il caos relativo alle elezioni continua a riversarsi sui cittadini e sulla comunicazione.
Secondo i risultati post-voto, infatti, sembra che sarà necessario procedere con la fase del ballottaggio, in cui i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti (ma senza raggiungere il quorum necessario) si sfideranno in un’ulteriore tornata elettorale.
L’affluenza non è stata alta, complici forse la partita di calcio e un sentimento di disillusione da parte dei cittadini, che hanno quasi disertato tutti gli ultimi comizi elettorali dei candidati; probabilmente anche il meteo ha influito, dato che il primo giorno di voto la giornata è stata nuvolosa di mattina ma assai soleggiata fin dall’ora di pranzo, situazione notoriamente invitante per scampagnate, gite fuori porta e generiche attività all’aperto.
Le persone si sono recate ai seggi in maniera ordinata, in alcuni casi gli anziani sono stati lasciati passare avanti dai più giovani, garantendo un deflusso più snello; inoltre, come sempre le forze dell’ordine hanno tenuto d’occhio la situazione.
Le schede erano molto grandi ma ben piegate (“Un piacere da scartare” ha detto una diciannovenne castana); da segnalare tuttavia che più di un votante (le stime indicano un numero compreso tra 3 e 11), uscendo, si è lamentato della poca praticità del modulo cartaceo.
“Anche questo è un simbolo di distanza tra cittadini e politica,” sembra che abbia detto qualcuno.
Cresce l’attesa per il ballottaggio: Comune, Ministero e Prefettura stanno organizzando le giornate di voto. I cittadini si preparano a tornare alle urne per esercitare il loro diritto/dovere, mentre il campionato di calcio è finito ma la bella stagione sembra essere arrivata. Questi elementi sanciranno il numero di persone che parteciperà all’elezione del candidato vincitore; uno dei due contendenti ha ricordato il suo ruolo importante nella Prima repubblica, l’altro ha invece confermato il suo impegno nel rispettare il programma.
La gente sembra consapevole del voto che esprimerà al ballottaggio; una conferma arriva da una signora di passaggio davanti al palazzo del Comune: “Almeno stavolta le schede saranno più piccole e meno ingombranti,” ha detto, con la vis polemica che contraddistingue certi cittadini italiani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...